LE SOFT SKILL: le competenze che ancora non sapevi di avere

Le soft skills sono caratteristiche personali e caratteriali differenti e trasversali rispetto alle capacità tecniche apprese nei percorsi formativi e durante le esperienze di lavoro.

Non lasciarti ingannare dal termine “soft” ad oggi sono proprio queste skill a fare la differenza nel mondo del lavoro e nei processi di recruiting.
Si tratta, dunque, di una serie di attitudini che ti qualificano a prescindere dal titolo di studio e che, ad oggi, sono molto richieste in ambito lavorativo.

Eccone alcune particolarmente importanti su cui puoi cominciare a farti un’idea:

➢ capacità di lavorare in team
➢ capacità di lavorare sotto stress
➢ negoziazione
➢ problem solving
➢ determinazione nel raggiungimento di obiettivi
➢ elasticità e capacità organizzativa
➢ gestione dell’imprevisto 
➢ competenze comunicative
➢ gestione del tempo
➢ leadership

Le soft skills non sono solo il nostro modo di porci nei confronti del lavoro, rappresentano proprio il la maniera in cui comunichiamo con gli altri e con noi stessi.

Che tu voglia fare il libero professionista, il manager o l’imprenditore sappi che devi imparare a riconoscere e sviluppare al meglio le tue soft skills.

Con le soft skill migliori l’approccio al lavoro, alla vita e anche con te stesso, rendi la tua interazione con gli altri produttiva ed efficace il che si trasferisce in una maggiore produttività anche in ambito aziendale.

Soft skills e hard skills (intendendo per hard skills le competenze tecniche, specialistiche e comprovabili) viaggiano a braccetto nella struttura di una figura professionale completa e attuale.

Secondo recenti studi pare addirittura che nel mondo del business addirittura il 75% del successo di un lavoro dipende dal possesso delle soft skills.

Ma se le hard skills richiedono anni di studi, aggiornamenti ed esperienza pratica-lavorativa le soft skills sono ancora più difficili da assimilare secondo gli schemi ordinari di apprendimento e ancora più sono molto difficili da valutare in maniera quantitativa e qualitativa.

È da questa urgenza che nasce l’idea di far si che ci sia un corso di studi, un percorso professionale e didattico incentrato sull’acquisizione di questi fondamentali aspetti e che, pertanto, ti dia la possibilità di dimostrare la propria preparazione anche in questo ambito.

Le soft skills, come abbiamo detto, sono delle abilità trasversali che possono essere suddivise a loro volta in abilità interne e riguardano il modo in cui lo studente o il lavoratore interagisce con se stesso ed abilità esterne, che invece hanno a che fare con il modo in cui vengono gestite le relazioni con gli altri.

Insomma le soft skill sono quelle caratteristiche personali che possono fare la differenza nel momento in cui ti presenti ad un colloquio di lavoro e vanno dalla flessibilità, alle capacità comunicative, dalla capacità di gestire situazioni scomode o di conflitto alla autocritica.

Ciò che è importante capire quando si tratta di soft skills è che al di là della propria attitudine caratteriale, che ci rende più o meno propensi allo sviluppo di determinate soft skills rispetto ad altre è che più maturiamo queste incredibili capacità più siamo pronti a presentarci e sostenere il mondo del lavoro e non solo.

Sembra semplice vero? Ma non lo è.. non vogliamo spaventarti ma per acquisirne un numero sempre maggiore spesso occorre anche lavorare su se stessi, sugli aspetti più intimi e personali di noi e occorre poi far si che tutto ciò sia visibile, applicabile e comprovabile.
Insomma serve studiare, esercitarsi e dare ascolto ai professionisti del settore.

Ecco un breve elenco di quali sono le soft skills più spendibili nel mondo del lavoro quelle su cui far leva durante i colloqui o durante l’interazione con i vari reparti di recruiting.

Articoli dal blog: